il consulente strategicO DIGITALE

UNA NUOVA PROFESSIONE NEL MONDO DELLA CONSULENZA

consulente strategico digitale - dr Giuseppe Nappi

IL LIBRO

Perché il consulente strategico digitale?

Quando si pensa alla parola consulente si pensa al professionista a cui si ricorre per consigli, chiarimenti, pareri su materia inerente alla sua professione.

Se si pensa alla strategia si pensa invece alla condotta di una determinata azione di guerra, specifica in quanto definisca i particolari criteri di opportunità del comandante.

La digitalizzazione è il processo di conversione che, applicato alla misurazione di un fenomeno fisico, ne determina il passaggio dal campo dei valori continui a quello dei valori discreti.

Quando si parla di consulenza si pensa alla teoria alla formazione. Oggi come ieri la formazione e i risultati concreti sono una esigenza di professionisiti e imprenditori che vogliono trovare il giusto riposizionamento strategico nella propria attività, oggi più che mai dopo l’impatto Covid 19 sull’economia tradizionale. La consulenza strategico digitale non è per tutti ma è per quegli illuminati che vogliono velocizzare i processi di cambiamento. Hai mai visto scalare una montagna da soli? Si, mi dirai! Parliamo di montagne poco impegnative. In genere se parliamo di scalate, soprattutto su alte vette, si fanno in gruppo e con guide esperte gli sherpa. Più sono anziani gli sherpa più sono affidabili per evitare crepacci, errori, ridurre i tempi, trovare la strada sicura, e soprattutto per condividere il viaggio e le emozioni.

La digitalizzazione ha ridotto in modo significativo le distanze e ha velocizzato i modelli di condivisione delle conoscenze, rendendo concrete persone e processi all’interno delle organizzazioni aziendali.

 

Le parole “Trasformazione digitale” e “Replicabilità dei sistemi” sono i nostri “Mantra” dal 2010.

In questo minitesto di sintesi troverai tutti gli aspetti chiarificatori e le specifiche della nostra professione di “Consulente Strategico Digitale”. Siamo qui per aiutarti, anche e non solo per evitare gli errori che a noi ci sono costati tanto, e che ogni imprenditore e professionista incontra nel suo cammino.

Siamo imprenditori e professionisti, pronti a trasferire le nostre esperienze concrete sul campo, la nostra etica, i nostri valori, con una visione chiara per tracciare una strada dal futuro prospero ed entusiasmante.

Abbiamo raccolto le nostre esperienze, il nostro sapere e il nostro saper fare! Siamo pronti qui ora! Sono oltre 30 anni che studiamo, applichiamo e lavoriamo con discreto successo come imprenditori e come professionisti, metodologie aziendali per migliorare efficienza ed efficacia nei sistemi di impresa, nelle aziende franchising e retail, e negli ultimi anni anche sugli studi professionali di medie e grandi dimensioni. Siamo unici in questo senso. Sono centinaia e centinaia le persone, i manager, gli imprenditori e i casi concreti su cui abbiamo impattato con la nostra energia, le nostre strategie, i nostri strumenti, i nostri modelli di crescita, innovando le attività commerciali.

argomenti

^

La Storia

^

Capitolo 1

Che cosa è la consulenza di direzione

^

Capitolo 2

Che cos’è la formazione trasformazionale

^

Capitolo 3

Che cos’è il consulente strategico direzionale

^

Capitolo 4

Riprogettazione dei processi aziendali in ottica digitale: il servizio

^

Capitolo 5

Le nostre Pubblicazioni

Capitolo 1

Che cosa è la Consulenza di Direzione

La Consulenza di direzione è quell’attività svolta da professionisti esterni all’impresa il cui fine è quello di consigliare l’azienda nella soluzione di problemi gestionali ed organizzativi. La Consulenza direzionale, inoltre, è utile anche per impostare nuove strategie commerciali o per dirimere controversie tra il personale.

Per svolgere questa attività si devono avere le competenze necessarie per poter gestire un’azienda a 360 gradi; ad esempio, si deve essere in grado di definire l’obiettivo da raggiungere.

Spesso, infatti, il problema alla base è l’assenza di un piano d’azione da seguire, la mancanza di una pianificazione strategica, di linee guida chiare per raggiungere i traguardi prefissati. e di programmi aziendali.

I servizi di consulenza di direzione e di organizzazione aziendale permettono l’acquisizione di strumenti e di capacità necessarie per il continuo miglioramento dell’azienda.

La consulenza direzionale, se eseguita in maniera corretta, può portare a numerosi vantaggi quali:

  • lo sviluppo di nuovi modelli di business ed il miglioramento della qualità del fatturato e della redditività dell’azienda;
  • la costante innovazione sia nel mercato che nei prodotti;
  • la ricerca di nuove soluzioni e nuove strategie di lungo periodo.

La caratteristica indispensabile di un consulente di direzione è la conoscenza specifica di tutto ciò che riguarda il mondo imprenditoriale e aziendale.

Egli deve sapere cosa succede sul mercato, a quale tipo di clienti si rivolge l’azienda e con quale tipo di prodotto.

Il consulente non prende il posto dei manager o dell’imprenditore all’interno dell’azienda, ma li affianca e mette a loro disposizione tutta la propria esperienza. La capacità d’ascolto e l’empatia sono molto importanti per stabilire una relazione di fiducia con i vertici aziendali, i quali devono vedere il consulente come un’importante risorsa e non semplicemente come un esterno.

Naturalmente il consulente di direzione non prende decisioni, non ha nessun potere all’interno dell’azienda, ma il suo lavoro consiste nel mostrare ai manager i punti critici ed indicare loro quale siano le possibili soluzioni.

Quando le aziende hanno la necessità di un cambiamento o sono costrette a ristrutturarsi in un momento di crisi economica si rivolgono al consulente di direzione. Questi dialoga con il personale direttivo, effettua l’analisi dei bilanci e raccoglie tutte le informazioni necessarie per trovare le possibili azioni correttive.

Un altro punto importante che deve essere analizzato da un consulente di direzione è l’internazionalizzazione, ovvero portare l’impresa all’estero; ma questo solo nel caso in cui essa è già solida in Italia diversamente potrebbe essere controproducente.

La consulenza di direzione guida l’azienda verso un futuro migliore sia che si tratti di prevenire o di risolvere i problemi gestionali ed operativi sia di cogliere nuove opportunità. L’obiettivo finale resta quello di guidare l’azienda verso una crescita delle proprie persone e del proprio business.

La Consulenza di direzione può essere suddivisa n 4 aree:

  • la consulenza finanziaria volta alla pianificazione finanziaria;
  • la consulenza economica volta all’aumento della redditività, dei risultati, al raggiungimento del budget prefissato;
  • la consulenza organizzativa volta al miglioramento dell’organizzazione aziendale;
  • la consulenza commerciale dedicata all’incremento delle vendite, allo sviluppo di una solida rete commerciale, ed all’abbattimento della concorrenza.

Talvolta la consulenza riguarda piccole esigenze operative, che necessitano di un brevissimo affiancamento ed è, quindi, possibile arrivare a dei risultati concreti anche solo con consulenze di brevi periodi.

Quando invece l’obiettivo della consulenza è più articolato, occorre procedere per fasi appropriate, che si possono riassumere in questi passaggi:

  • Definire l’obiettivo aziendale;
  • Realizzare un’analisi completa dell’azienda e del mercato in cui opera;
  • Definire il piano d’azione;
  • Supportare l’azienda nel mettere in pratica il piano d’azione;
  • Monitoraggio costante,
  • Misurare i risultati ottenuti.

Un percorso di consulenza inizia sempre con una richiesta di supporto da parte dell’impresa; con tale richiesta ha inizio la prima e più delicata fase quella l’ascolto dei problemi dell’impresa.

Dall’ascolto delle problematiche deriva tutto il percorso, dall’individuazione di soluzioni opportune al piano di azione della consulenza.

Per un buon funzionamento di un’azienda occorre anche che il capitale lavori bene, solo così l’azienda può crescere e guadagnare. Le risorse umane, però, non possono avere tutte le competenze e le conoscenze necessarie e devono continuamente aggiornarsi.

Ecco perché la figura esterna del consulente di direzione è necessaria in quanto, solo chi ha un mix di competenza, di professionalità e di esperienza può essere loro d’esempio.

Le 3 caratteristiche che un consulente di direzione deve avere sono:

  • la capacità di avere la visione dei processi e far comprendere ai manager di un’azienda la connessione causa-effetto;
  • la capacità di avere sistemi di controllo efficaci e tempestivi;
  • la capacità di creare un sistema organizzativo che sappia riconoscere i problemi.

La consulenza aziendale mira dunque a ottenere le condizioni migliori in ogni contesto, sia dal punto di vista economico, sia da quello aziendale. A livelli molto alti le aziende hanno necessità legali di ogni tipo: devono avere il quadro completo della legislazione locale, sapere quante tasse pagare, come si svolgono i negozi giuridici fondamentali, quali sono le leggi tributarie e quelle bancarie, come funzionano le tasse doganali.

Pertanto, una società di consulenza aziendale dovrebbe avere al proprio interno delle figure professionali di alto livello, preparate, formate e che hanno esperienza nel loro settore o nella zona geografica in cui operano.

Le competenze richieste riguardano l’ambito giuridico, finanziario, tributario, commerciale, economico. Il consulente programma interventi urgenti per sistemare delle condizioni legali che potrebbero portare un danno immediato all’ azienda.

Quella che si chiama “consolidata presenza” in un determinato mercato permette all’ impresa di affidarsi totalmente e con la massima fiducia al consulente di direzione. La consulenza può aiutare a mettere in discussione alcune scelte che si sono fatte e che poi si sono rivelate errate; ma può anche aiutare a superare un momento di crisi, di cambiamento del mercato o semplicemente può dare uno stimolo e una marcia in più. La consulenza direzionale è utile in moltissimi ambiti diversi, quindi può essere richiesta sia per problemi gestionali che per problemi operativi che del personale. Grazie alla consulenza si può mettere l’azienda di nuovo in movimento in un momento storico dove la staticità aziendale non è contemplata.

Capitoli

Pagine

In questo saggio scoprirai, con esempi, strategie e procedure, la metodologia di trasformazione della tua azienda o della tua professione da tradizionale a digitale.

Vedrai come questa trasformazione ti aiuterà a trovare nuovi clienti.

La nostra promessa è: “se applicherai in modo disciplianto la nostra metodologia, riuscirai a raggiungere risultati inaspettati”

AUTORE

Dott. Giuseppe Nappi.

Laureato in Scienze Politiche, specializzato nell’ambito della consulenza di direzione applicata al Retail.

Cofondatore di Franchising Manager e dell’Accademia del Franchising.

Autore di diverse pubblicazioni e libri.

Dal 2014 imprenditore.

Cofondatore del Sistema DWS Model® che ha contribuito alla trasformazione digitale di oltre 100 imprese negli ultimi 12 Mesi.

Presidente del Comitato Scientifico e di Ricerca Strategico per DWS Model®.

altre mie pubblicazioni

FRANCHISING FORMATIVO

ECCELLENZE DIGITALI ITALIANE

DIGITAL CONTENT MANAGER

NEGOZI ACCESSORI MODA

METTERSI IN PROPRIO CON IL FRANCHISING

IL CONTROLLO DI GESTIONE NELLE AZIENDE COMMERCIALI

QUADERNO FRANCHISING

COMMUNITY

IL MANUALE OPERATIVO DEL TUO FRANCHISING

I SEGRETI DEL RETAIL

IL METODO 4C

I SEGRETI DELLA COMUNICAZIONE

I CENTRI COMMERCIALI

Esci dalla tua zona di comfort!

digital workshop!

Scopri il Metodo DWS. Come trovare 100 clienti e trasformare la tua azienda da tradizionale a digitale, rendendosi autorevoli nel web.

Contatti

Assistente Relazioni Esterne

388 9242091

Email

segreteria@giuseppenappi.it

Uffici

Napoli – Nola (NA)

Siti internet

www.dwsmodel.it

www.franchisingmanager.it

www.eccellenzedigitaliitaliane.it

www.kikiamibijoux.it